venerdì 27 marzo 2009

perchè pedalare è una poesia


La poggio piano col paramanubrio
ché non si graffi e stia in equilibrio
la guardo è tutta da aggiustare
passo ore a starla a fissare

www.borraccedipoesia.it

2 commenti:

libks ha detto...

E' quasi una magia
il come una bici si leghi alla poesia
che' non deve destar paura
s'anche 'l ciclopoeta mostra la sua natura!

Mitico mayno!

Ciao

livio

Zinferlo ha detto...

:-))))