venerdì 22 maggio 2009

Bianchi mod. CESARE 1942

echi di carri che riposano nel fienile. legno e ferro. si stendono gli arti e gli attrezzi dopo la settimana d'intensa agricoltura! la tavola è pronta, il profumo delle vesti linde esalta la festa. la prima, dopo cupi anni indelebili dai volti. chi può, arriva in bicicletta. è libero! è una prospettiva ritrovata. quella Bianchi per esempio di lorenzo, dal 1942, salvata dalla guerra e dalle ingiurie del tempo. altri giungono a piede. due o tre col biroccino. è un grande giorno di riposo e di amicizia fraterna. per tutti. e la bicicletta, appoggiata al muro, resta a mirare brindisi e danze

8 commenti:

libks ha detto...

Non ho parole.
Stupenda.
Regalamela.

:-)

Zinferlo ha detto...

Ci penserò ... ;-P

cammello ha detto...

no...no...è mia...è mia

Anonimo ha detto...

C'è qualcosa da dire davanti a un
restauro così?
Forse si.... mi ha fatto passare tutte le velleità di restauro della mia!
Complimenti vivissimi, credo sia meglio di quand'era nuova.
Saluti, Giandomenico.

Zinferlo ha detto...

Grazie amici, è una soddisfazione leggere i vostri commenti!
Giandomenico, ogni bicicletta è una scoperta, quindi mettiti sotto anche con la tua e vedrai!
Facci vedere qualche foto se ce l'hai.

Paolo De Sade ha detto...

Oh cacchio ! pensavo di aver lasciato il comemnto giorni fa ma vedo che non è qui... boh !

rimedio ora:

Bellissimo lavoro, preciso, inteso e dettagliatissimo... un lavoro di altissima qualità! bravo Lorenzo... Complimenti !

Anonimo ha detto...

ciao il lavoro da te eseguito è faoloso oltre tutto sensazionale la sequenza fotografica ottimo restauro e complimenti al fotografo la sequenza ha fatto capire chiaramente gli iterventi da te eseguiti +Lupo90+

domenico ha detto...

Anche la mia Bianchi del 1941 ha il segno "VIII" sparso per tutto il telaio. Qualcuno ha notizie certe in merito?