mercoledì 3 giugno 2009

La Duomo di Milano

la parola a carlo:


Ce l'ho da sempre, ma non sapevo fosse così comoda, scorrevolissima e leggera. Gli mancava la sella, gli mancavano un po' di cose e ce le ho messe. La marca stavolta, a differenza di tante anonime signore attempate, è scritta. Si chiama "DUOMO" e con un nome così non poteva che essere di Milano. Non so nulla di questa fabbrica artigianale, solo che si chiama "Fabbrica Cicli Duomo" o "F.C.D." come viene riportato sul bel fregio al canotto di sterzo. Dai particolari potrebbe sembrare anni '40 - date in giro non ce ne sono - le pedivelle sono marcate "F.C.D."; anche i mozzi sono marcati e non hanno gli ingrassatori, c'è l'ingrassatore al centro del telaio, i parafanghi sono ad una astina sola, ha i freni a filo, non a bacchetta. La bici è una 28 e cammina che è un piacere! Se qualcuno sa un po' di più di questa bici, di questa marca, che ce lo faccia sapere. Uno speciale grazie a Marco. Ciao. CARLO DEGIORGI

8 commenti:

Paolo De Sade ha detto...

E' una delle tante marche locali nate nelle botteghe di qualche negozio di biciclette... magari era sito in zona Duomo...
Di certo non è anni 40, non tanto per il fatto che sia a filo, perchè già venivano prodotte le prime a filo, ma piuttosto per molti dettagli che indiacano chiaramente gli anni 50/60, nell'ordine: pedali, fari, supporto faro anteriore, piega del manubrio, manopole.

Paolo De Sade ha detto...

Dimenticavo: modello di carter, mozzi e soprattutto la piastra di supporto del freno posteriore tipica anni 60.

degio71 ha detto...

molto interessante caro Paolo, la tua annotazione sul carter è corretta, so che era stato aggiunto in seguito, per il resto grazie per la dritta, ben venga ogni vostra osservazione. Carlo

Stefano 89 ha detto...

Ciao Carlo, come va??

Secondo me è fine anni '50... perchè i particolari che dice Paolo già si usavano in quegli anni, e a occhio mi sembra proprio fine '50...!!

Ciao!!!

davmo ha detto...

Solo per segnalarVi l'evento, anche se qui è un pò out of topic:
dei 150 alcociclsti che mi aspetto, un (anche se piccolo) gruppo sarà di fissati!!!

Di bici ce ne saranno di tutti i tipi, l'ultima volta c'era una coppietta su una coppia di umerto dei da brividi!!!

davmo ha detto...

http://davmozone.blogspot.com/2009/06/biciclettata-alcolica-vol5-comes-back.html

ops, eccola la segnalazione!!

dborit2 ha detto...

Sembrerebbe che la Duomo Milano sia il marchio usato per le biciclette dalla Doniselli, che utilizzava (contrariamente ad adesso) il nome originale solo per i veicoli speciali da trasporto. La decal Duomo Milano è presente infatti sulla mia bici da panettiere prodotta da Doniselli.

the Rigers ha detto...

mi è stata di recente regalata una bici così, arancione con copertoni originali mi pare. quanto può valere allo stato attuale (buono stato e perfettamente funzionante)?