martedì 22 aprile 2008

e luce fu



Cicli FIAT
dal nostro inviato al museo di Cesiomaggiore, Alberto, un tuffo rovesciato nella storia delle biciclette d'epoca! suona strana a leggersi la decalcomania Cicli Fiat, ma. che incredibili finezze costruttive si scoprono su questa bicicletta!!!! quel portafanale mi rimarrà impresso in fronte questa notte. troppo a lungo ho osservato la ragazza

prezzo al pubblico L. 385, sono aperte le ordinazioni!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Si Si ma i complimenti sinceri bisogna farli al Sig. Sanvido ...una vita un amore una passione per queste belle "Signore"!!! Vi consiglio di andare a veder il Museo ....entusiasmante!
Ciao a tutti
Zagor
P.S. : a me ne bastan due di Biciclette pago a rimessa diretta!!

mayno ha detto...

Benissimo signore, se ne prende due, le faccio lo sconto, perchè so che le tratterà bene. Fan settecento lire, è d'accordo? :-)

Anonimo ha detto...

Si certo ........anzi due da uomo e una da donna!


Zagor

Anonimo ha detto...

Che voi sappiate quale altra casa e fino a che epoca, produceva bici con leve rovesciate ?

Domenico

mayno ha detto...

Ciao Domenico! Più o meno tutti i produttori montavano una o due leve rovesciate sulle biciclette da viaggio nei primi vent'anni del '900.. ne ho viste in giro, ma solo in mano a collezionisti di vecchia data, Maino, Bianchi, Stucchi, Dei, Frera, Fiat, Triumph, Durkopp.. con tirante posteriore a cavo o a bacchette. Poi negli anni '40 han ritirato fuori le leve rovesciate, ma con manubri in alluminio e pinze sportive.. :-)