domenica 4 ottobre 2020

Bianchi 1909

 

Uhhh, quanto mi piacciono le grandi anticaglie! 

Gli anni passato, i secoli corrono e già c'è più che da leccarsi le dita ad incontrare un bel reperto alle condizioni quì di seguito, con serie sterzo e movimento centrale originali.  Grazie a Leonello Innocenti di Pistoia, per le suggestioni che ci presenta, con questa Bianchi da corsa mod. D del lontanissimo 1909!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leccatesi tutte le dita a disposizione, giunge l'altrettanto impegnativa stagione di spremitura delle meningi, al fin di produrre l'olio di gomito necessario e, rimboccate le maniche, mettersi al lavoro con passione e tanta pazienza... per ridare corsa ad una bicicletta tanto antica, quanto tecnica, raffinata e modernissima!



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tubo reggisella ad espander, tipico dei mod. D

 
Oliatore sul tubo di sterzo, testa di forcella marchiata Bianchi in corsivo.
 
 
Ruota anteriore "rasa" alla testa di forcella con diametro 700 C (28 5/8) e forcellino posteriore "compatto", dettagli da corsa d'avanguardia per il 1909! Mozzi Bianchi 32-40 fori montati su cerchi in legno nuovi per palmer, in modo da poter utilizzare in sicurezza la bicicletta. 
 

 

Belli cattivi quanto raffinati anche i foderi dritti della forcella:


 
Freno anteriore a tampone sulla gomma, con cerniera sul retro della testa di forcella; freno posteriore a fascetta.







venerdì 4 settembre 2020

IDEOR Savona 1930/2


Un po' di ferie hanno giovato a questa vecchia gloria della mia collezione - mai più di tanto smontata e ripulita - raffinata e potente bicicletta Ideor prodotta a Savona nel 1930/2 circa, con Cambio Vittoria e cerchi in legno per gomme tubolari, ora rinvigorita in alcuni dettagli, a distanza di anni dall'adozione.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per quanto i numerosi ritrovamenti di biciclette Ideor tra gli anni venti e cinquanta abbiano dimostrato alta qualità tecnica e produttiva, a testimonianza di un nome solido e importante sul mercato - forse attivo anche oltre gli anni cinquanta - ad oggi ho pochissime informazioni storiche su questo pregiato marchio ligure.


 

 

 

 

 


 
Freni a mensola originali Super Corsa, con molle di richiamo esterne a fascetta - marchio ritrovato anche sui freni di altre biciclette da corsa Ideor degli anni trenta - in versione tipica di passaggio tra i freni a fascetta degli anni venti ed i freni classici con molla tra le ganasce.




Mozzi IDEOR, posteriore "GIRORUOTA" con pignone fisso e ruota libera tripla per Cambio Vittoria, catena IDEOR.







Cerchi in legno BETA  a 36 Fori

mercoledì 2 settembre 2020

Frejus 1933 Super Corsa

 

Bicicletta per corridori professionisti, Frejus del 1933 Super Corsa, di alto livello tecnologico per la sua epoca, conservata integra, dai tempi del campione Giuseppe Martano. Bicicletta "giroruota" con pignone fisso e ruota libera tripla, Cambio Vittoria, freni a mensola Frejus, cerchi in legno per gomme tubolari, oliatore alla catena.

 
 
Telaio nichelato e verniciato nero lucido, congiunzioni di sterzo, forcella e componenti cromati. Nei primi anni trenta inizia l'impiego di duralluminio sulle biciclette da corsa: quì manubrio Ambrosio, pedali Frejus, mozzi Frejus in ferro con flange in alluminio, parafanghi, reggisella.



 

 
 
 


 









 

Mozzi Frejus originali dell bicicletta, d'avanguardia in ferro con flange in alluminio, cerchi in legno d'epoca per gomme tubolari: al ritrovamento, le antiche e leggere ruote erano malmesse, quindi le ho ri-raggiate fresche, recuperando raggi sfinati e nipples.